pianetadonna.it

Ricette simili Non ci sono articoli correlati per questo articolo
Speciale Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Come preparare la mostarda classica

come-preparare-la-mostarda-classica

La mostarda ha origini antichissime. I contadini, infatti, utilizzavano la frutta che si in eccedenza, o quella caduta acerba dagli alberi, per lo più pere e mele, per preparare un contorno che, con il suo sapore, vivacizzasse i soliti cibi giornalieri. Quasi tutte le regioni hanno la loro ricetta, ma vorrei ricordare almeno le tre per eccellenza: la cremonese, la veronese e la toscana.

Istruzioni
Difficoltà
  1. Prendi mele, pere e zucca, puliscile e togli i loro semi all'interno, facendo attenzione a non tagliare la frutta in pezzi troppo piccoli; poi, prendi le pesche, le albicocche, le susine e tagliale a metà, poi, togli il nocciolo e lavale. Per finire, prendi i fichi e, a mio avviso, lasciali interi perché danno un bell'effetto finale.

  2. Ora, passa alla preparazione dello sciroppo. Prendi l'acqua, lo zucchero e mettili in una casseruola sul fuoco a fiamma bassa mescolando di tanto in tanto, fino a che non viene fuori un composto omogeneo. Continuando a mescolare e tenendo sempre a fuoco basso, inizia a cuocere i vari tipi di frutta separatamente (mele con mele, pere con pere e così via), facendo attenzione a non cucinare troppo altrimenti. Il risultato finale sarà una pappetta.

  3. Cotti tutti i frutti, prendi le bucce del cedro, dell'arancio e mettile nello sciroppo rimasto. Ora, in una terrina di vetro, unisci la frutta con lo sciroppo e mescola delicatamente. A questo punto, devi unire la senape e finisci di mescolare. Ti consiglio di non prendere una senape troppo forte, evitando anche di esagerare nelle quantità, altrimenti rischi di coprire tutto il sapore della frutta.

  4. Ora, prendi un vaso di vetro abbastanza capiente, sterilizzalo (basta farlo bollire in acqua bollente per un paio di minuti) e versaci dentro la tua mostarda, facendo particolare attenzione a pulire il bordo del barattolo, in quanto, trattandosi di una preparazione altamente zuccherina, farai, in seguito, molta fatica ad aprire il coperchio. Una volta finito, puoi riporla in dispensa e, dopo circa un mese, la potrai gustare con della carne, del pesce e moti alti piatti.

Approfondimento

Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Leggi anche:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo

di peperoncino 18 settembre 2009
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Come preparare la mostarda classica...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori